./Italia

Lavoro e giovani: Tutta la vita davanti

-USCITA CINEMA: 28/03/2008
-REGIA: Paolo Virzì
-SCENEGGIATURA:, 
Francesco Bruni, Paolo Virzì

-ATTORI:Isabella Ragonese, Sabrina Ferilli, Massimo Ghini, Valerio Mastrandrea, Elio Germano, Micaela Ramazzotti, Laura Morante.

-DISTRIBUZIONE: Medusa Film
-PAESE: Italia 2008
-GENERE: Commedia

 Marta, appena laureata con lode in filosofia, cerca di ottenere un posto come ricercatrice; nell’attesa dei risultati del concorso, cerca un lavoro part-time riuscendo a trovare solo un impiego come baby-sitter; si trasferisce quindi nell’appartamento di Sonia, una ragazza all’incirca della sua età con una  bambina, Lara, a cui non sembra in grado di badare. Tra Marta e la bimba si instaura presto un legame molto forte: Marta le racconta spesso gli parla di filosofia. Marta ha però bisogno di guadagnare di più e Sonia le consiglia di rivolgersi alla Multiple Italia, dove anche lei lavora. L’azienda commercializza un costoso elettrodomestico multifunzione tramite ragazze addette al call center. Il primo serio turbamento etico la colpisce quando, dopo aver fatto credere ad una cliente di essere una vecchia amica della nipote per ingraziarsela, scopre che quest’ultima si è tolta la vita perché non riusciva a trovare lavoro; è intenzionata a non molestare ulteriormente l’anziana, ma questa, commossa, la cerca più volte per aiutarla nel suo lavoro, vedendo nel suo caso la ristrettezza di prospettive che è stata fatale per la nipote. La Multiple si rivela pian piano al suo sguardo ingenuo come una sorta di mostro che illude i giovani lavoratori con premi e incoraggiamenti per poi punirli pesantemente. Il film ci mostra la realtà del nostro Paese. Un mondo apparentemente giusto, sorridente che in realtà si mostrerà come totalmente terrificante, in cui nessuno ha via di fuga in una realtà di sfruttamento e di violenza. Il film mira a  mettere in luce i problemi dei giovani d’oggi , le difficoltà del mondo del lavoro, in un’Italia che non è in grado di trovare un’occupazione sicura ai ragazzi che, nonostante anni di studio, sono costretti ad accettare il primo impiego che capita, sperando che questo gli permetta di giungere alla fine del mese.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...