Televisione

Prison Break: l’evasione dalla corruzione

Titolo originale: Prison Break Paese: Stati Uniti d’America Anno: 2005-2009 Formato: serie TV Genere: thriller, azione Stagioni: 4 Episodi: 81 Durata: 42 minuti circa ( a episodio) Lingua originale: inglese Ideatore: Paul Scheuring

Un uomo in giacca e cravatta si avvicina lentamente alla scrivania e punta una pistola ad una signora sulla sessantina: lui, un brillante ingegnere edile, lei la classica bancaria fiduciosa che, anche questa volta, arriverà a fine giornata. Queste sono le  immagini che possiamo osservare nel primo minuto del pilota di “Prison Break”, serie rivelazione del 2005 che guadagna di diritto la nomina di serie cult. Michael Scofield, in realtà, ha un piano ben preciso: inscenare una rapina a mano armata per riuscire ad essere incarcerato per 5 anni, giusto il tempo per liberare suo fratello, Lincoln Burrows, condannato alla sedia elettrica con l’accusa di aver ucciso il fratello del vice Presidente degli Stati Uniti d’America. Michael, due mesi prima della rapina, si è fatto tatuare sulla parte superiore del corpo l’intera pianta del famigerato penitenziario di Fox River, edificio da lui stesso progettato, in cui si trova Lincoln, il quale è costretto ad aspettare inerme il giorno della condanna. Alle innumerevoli vicende all’interno del carcere e fuori, fa da sfondo una nazione corrotta fino al midollo, sfondo di intrighi malavitosi, ma anche semplicemente presidenziali, facendo riflettere, quasi in maniera caricaturale, lo spettatore riguardo alle “prodezze” di chi occupa i “piani alti” della nostra società.

All’interno di Fox River, Michael, per la riuscita del suo piano, è costretto a collaborare a stretto contatto con personaggi piuttosto sinistri, primo fra tutti il mafioso John Abruzzi, il pedofilo e violentatore T-Bag, Fernando Sucre arrestato per rapina aggravata e C-Note accusato di possesso per beni rubati ed ex sergente dell’esercito americano.  Questa serie fornisce tanti stereotipi della fantomatica società americana che noi tutti, grazie a fatti di cronaca e agli innumerevoli telefilm, ci siamo, in un modo o nell’altro ricreati.

 

Prison Break ha raggiunto la fama mondiale nel 2006, un anno dopo dalla messa in onda americana, accaparrandosi la presenza sugli schermi di ben 45 nazioni: dall’Islanda alla Korea, dal Sudafrica al Cile. Nel 2006 la serie ha portato a casa uno dei più prestigiosi premi statunitensi del piccolo e grande schermo: il People’s Choice Award nella categoria “Favourite New TV Drama”; senza dubbio un gran bel colpo per l’ideatore Paul Scheuring praticamente agli esordi.

Elena Giorgi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...